In gabbia

In gabbia

lunedì 22 giugno 2015

Una piccola stella...



La mia piccola Lucia, la mia ballerina preferita...

Parlamento Europeo: la classifica 2015 degli europarlamentari più assenti



Come da tradizione da qualche anno ecco che a giugno arriva la classifica più temuta dagli europarlamentari fannulloni.
Ad un anno dalle elezioni europee la maglia nera dell’eurodeputato italiano più assenteista va a Giovanni Toti, (Forza Italia) che registra un vergognoso 29,21% di presenze. Toti, che con il suo risultato si piazza globalmente 746esimo su 749 europarlamentari, dovrà dire definitivamente addio al Parlamento Europeo vista l’incompatibilità con il suo nuovo ruolo di presidente della Regione Liguria.
Dopo di lui ma ad una bella distanza troviamo Antonio Tajani (Forza Italia) con appena il  56% di presenze e il suo collega di partito Aldo Patriciello, storico assenteista (60% di presenze). Il ‘podio degli assenteisti’ è quindi tutto targato Forza Italia.
Non molto lontano, con appena l’84% di presenze salta agli occhi il nome di Matteo Salvini, eurodeputato più assenteista della Lega, che il tempo per presenziare in tv o girare in ruspa invece lo trova sempre. Proprio Salvini ha costituito nei giorni scorsi un gruppo insieme ad altri xenofobi anti-europeisti come lui (Marine Le Pen, Geert Wilders…). Enf (in italiano Europa delle Libertà e delle Nazioni) servirà per incassare qualche milione di euro da quell’Europa che lo fa vivere e su cui spara a zero un giorno sì e l’altro pure. Quando si dice ‘sputare nel piatto in cui si mangia’!
Dal lato opposto invece, tra gli europarlamentari virtuosi che non mancano mai una seduta o una votazione troviamo al primo posto con il 100% di presenze gli eurodeputati Nicola Caputo (Pd) e Massimiliano Salini (Ncd).
Quanto al risultato di squadra, se guardiamo alle forze politiche nel loro insieme è sicuramente da segnalare il risultato incoraggiante degli europarlamentari del Movimento Cinque Stelle che, a parte qualche eccezione (David Borrelli con appena il 77% di presenze) vede la stragrande maggioranza dei suoi eletti (ben 12 su 17) con oltre  il 95% di presenze.
La classifica nel suo insieme mostra come le cose stiano cambiando in positivo facendo passare il nostro paese dal 24esimo posto (su 28) e una media del 78% di presenze della scorsa legislatura ad un 90,63% che la fa balzare al 13esimo posto davanti ai colleghi spagnoli, rumeni e lussemburghesi. All’ultimo posto troviamo gli irlandesi con una media dell’80% di presenze mentre i primi della classe sono ancora una volta gli austriaci con il 97% di presenze seguiti sul podio degli stacanovisti croati (96%) ed estoni (95%), il che dimostra che i nostri possono ancora fare meglio.
C’è da ricordare infatti che l’attuale sistema premia i ‘furbetti’, visto che le loro assenze incidono relativamente solo su alcune indennità accessorie (soggiorno e spese generali) ma non vi è alcuna decurtazione dello stipendio (indennità parlamentare di ben 7mila euro al mese). L’ennesimo privilegio di cui godono quelli che dovrebbero essere i nostri dipendentimentre per un cittadino comune che si assenta anche solo una volta ingiustificatamente dal posto di lavoro può scattare il licenziamento.
Per ‘normalizzare’ la situazione ci vorrebbe una modifica allo statuto dei parlamentari europei (ad opera degli stessi eurodeputati). Speriamo quindi che qualcuna delle nuove forze giovani e anti-sistema che hanno fatto ingresso nel Parlamento Europeo un anno fa contribuiscano ad avvicinare questa istituzione al mondo reale cominciando dal tentare dall’abolire questi assurdi privilegi e far uscire allo scoperto quelli che li difendono.