In gabbia

In gabbia

martedì 20 gennaio 2015

"Italo" un film stupendo !


Partiamo dalla cronaca, ovvero da quel 15 marzo del 2009, quando un branco di cani randagi uccise un bambino a Scicli, in provincia di Ragusa. Da quel giorno tutti i cani randagi vennero cacciati e banditi, fino a quando un meticcio color miele non arrivò in Paese. Inizialmente visto con scetticismo e paura, il cane divenne in poco tempo una sorta di concittadino acquisito. Tutte le domeniche a messa, per funerali, matrimoni e battesimi; tutti i giorni all'uscita della scuola per salutare i bambini; nel centro storico ad abbaiare alle auto in zona pedonale; tra i vicoli del Paese in piena notte a fare da 'guardia' contro i malintenzionati. Italo Barocco venne chiamato, per poi morire il 31 dicembre del 2011, lasciando l'intera Scicli in lacrime.
Questa è la vera storia di Italo, conosciuto dalla debuttante Alessia Scarso, Diplomata in montaggio al Centro Sperimentale di Cinematografia, ed ora diventato lungometraggio. Una sorta di Hachiko all'italiana, potremmo definire questa moderna 'favola' Notorious Pictures 'raccontata' dalla voce di Leo Gullotta , interpretata da Marco Bocci, Elena Radonicich, Barbara Tabita e soprattutto lui, Tomak, l'addestrato e splendido meticcio del titolo.